Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

UNIVERSIADI 2019 | Indagato Fulvio Bonavitacola, vicepresidente Regione Campania e braccio destro di De Luca

14 / 11 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Ci sono nuovi sviluppi, inaspettati, nell'inchiesta aperta dalla Procura di Napoli sulle Universiadi 2019 che, lo scorso luglio, hanno puntato i riflettori sul capoluogo e sulla regione tutta. I pm che stanno coordinando le indagini, Francesco Raffaele e Henry John Woodcock, vogliono capire se ci sia stata trasparenza nella gestione dell'evento, degli appalti, nei rapporti tra pubblico e privato nell'organizzazione della grande manifestazione sportiva.

Propria in quest'ottica, figurano nel registro degli indagati, con l'ipotesi di reato di corruzione, l'imprenditore Rocco Chechile e Fulvio Bonavitacola, noto avvocato ma soprattutto vicepresidente della Regione Campania.

Gli inquirenti hanno notificato un'ordinanza di perquisizione a Chechile e un avviso di garanzia a Bonavitacola. L'imprenditore è il proprietario del Grand Hotel Salerno, importante struttura alberghiera che sorge sul lungomare della città campana e che ha ospitato atleti, staff e addetti ai lavori durante le Universiadi.

L'obiettivo degli inquirenti è quello di verificare quante volte Bonavitacola, durante l'evento sportivo, abbia pernottato nell'albergo del lungomare di Salerno e a quali condizioni, ovvero se abbia usufruito di un trattamento speciale. Da quanto si apprende, anche una parente del vicepresidente della giunta regionale campana avrebbe pernottato al Grand Hotel Salerno: si cerca di fare luce anche su questa circostanza; probabile che il pernottamento della parente di Bonavitacola sia stato utilizzato per sviare i dubbi su un eventuale trattamento di favore ricevuto dal braccio destro di Vincenzo De Luca.


fulvio bonavitacola vincenzo de luca indagati
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.