Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Toccata e fuga, esperienze sensoriali nel mondo dei rifiuti.

21 / 05 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Si è svolta in occasione del Ri-festival 2012, organizzato per la sua seconda edizione, all'interno del centro commerciale Campania, un'interessante collaborazione tra architetti, designer e studenti. Parliamo di Sa.Und.Sa /Sara Omassi e Salvatore Carbone, architetti, + Contaminazioni / Antonio Cesare Iadarola, designer, + studenti di Architettura e di Design della Federico II e Seconda Università di Napoli.Sono state realizzate tre microarchitetture, utilizzando esclusivamente materiali di scarto delle isole ecologiche, attraverso esperienze sensoriali e materiche, unite a larghi confronti sui processi creativi. Il tema della sostenibilità, diventa così sociale e culturale, oltre che ambientale.Le microarchitetture esprimono le potenzialità sensoriali dei "rifiuti",con installazioni costruite infatti con i barattoli riciclati dei bar e ristoranti del Centro, arrivano e si volgono in nuove configurazioni, puntando all'integrazione con il territorio e ad essere veicolo propulsore di creatività e cultura a servizio della compatibilità ambientale.
Caserta Eventi Noi Reporter Cultura Cultura parco fluviale
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.