Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

TERREMOTO A CASERTA Rescisso il contratto con la Ecocar colpita da un`interdittiva antimafia

11 / 07 / 2014

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Un terremoto quello che si è abbattuto sul Comune di Caserta: un'interdittiva antimafia che è stata recapitata dalla Prefettura di Caserta nei confronti della Ecocar, la società che gestisce l'appalto del servizio rifiuti nel Capoluogo (ed anche a Marcianise dove è Consorziata con Alba Paciello di Casagiove). Per questo motivo l'amministrazione comunale di Caserta ha avviato le procedure per la risoluzione del contratto in essere con Ecocar Ambiente, a suo tempo affidato a seguito di procedure con la Stazione Unica Appaltante. Nel frattempo  sono state avviate con la S.U.A. le procedure per l'affido temporaneo del servizio di raccolta rifiuti ad altra ditta. Già nei giorni scorsi, a seguito dei problemi che la Ecocar aveva avuto a Marcianise, il sindaco di Caserta Pio Del Gaudio aveva avuto un incontro riservato in Prefettura a Caserta nel corso del quale si era discusso proprio della delicata questione relativa alla società che gestisce la raccolta rifiuti. E dopo questo faccia a faccia è giunta la comunicazione in Comune dell'interdittiva antimafia che ha spinto l'Ente a procedere con la rescissione contrattuale.
caserta revocato appalto ecocar marcianise marcianise camorra
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.