Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

STATO DI AGITAZIONE | Protestato i lavoratori della Senesi: "Attendiamo ancora lo stipendio di Agosto"

09 / 09 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Le informazioni poco attendibili, la mancanza di comunicazioni ufficiali da parte della Senesi S.p.a. e le notizie che si rincorrono di un imminente cambio di azienda, non fanno altro che diffondere un clima di forte incertezza tra i lavoratori.

In aggiunta i lavoratori hanno un problema ancor più pesante da sopportare ed è quello dovuto al mancato pagamento della retribuzione di agosto, a tutt’oggi non ancora percepita dagli stessi. Da quanto ci risulta sembra che, la Senesi, abbia provveduto alla sola consegna dei cedolini paga, ed anche in questo caso pare vi siano generati problemi di incongruenze che hanno contribuito a diffondere ancor di più il malcontento tra i lavoratori.

Difatti, da quello che si evince dai cedolini paga, la retribuzione di agosto sarà corrisposta parzialmente, peraltro senza ricevere un apparente motivazione per l’incompleto riconoscimento dei corrispettivi. Quello, però, che ci preoccupa maggiormente sono i tempi che dovranno trascorrere prima che i lavoratori percepiscano quanto dovuto, ma anche e soprattutto, le difficoltà che incontreranno i lavoratori prima di percepire la prossima retribuzione.

Immaginiamo già i sacrifici che saranno costretti a compiere quest’ultimi prima di percepire la retribuzione di settembre, considerato che, “quando va bene” un lavoratore fatica già ad arrivare alla 3° settimana di ogni mese, se ci mettiamo che questo mese riaprono le scuole il quadro è completo e non è per nulla piacevole.

Per questi motivi la Fiadel - Caserta, ha proclamato lo stato di agitazione ed avviato tutte le procedure prevista dalla L.146/90, nonostante la posizione diametralmente opposta manifestata delle altre organizzazioni sindacali.

senesi stato agitazione aversa
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.