Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

TRAGEDIE SFIORATE | Treni transitano con sbarre del passaggio a livello alzate. RFI: "E' colpa degli automobilisti"

09 / 01 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Ci sono appena giunte in redazione alcune precisazioni fornite da Rete Ferroviaria Italiana in merito al nostro articolo, su un episodio accaduto al passaggio a livello di via Marconi: "Diversamente da quanto riportato, il treno è transitato a barriere abbassate e dopo la regolare attivazione dei segnali stradali acustici e luminosi che impongono lo stop alle automobili. Quello a cui gli automobilisti hanno assistito e che deve aver suscitato un comprensibile stupore, è stata la riapertura delle barriere iniziata mentre il convoglio, che aveva già impegnato il passaggio a livello, stava ancora passando. Ciò è accaduto perché il dispositivo automatico che fa riaprire le sbarre, azionato dal treno stesso una volta occupato l'attraversamento stradale, agisce dopo un lasso di tempo predeterminato. Ciò ha fatto si che il convoglio, che in quel momento procedeva a bassissima velocità, non fosse ancora del tutto sfilato quando le barriere si erano rialzate. Come è facile intuire, dunque, non si è registrato alcun pericolo in quanto le auto erano ferme, i segnali stradali mostravano luce rossa e risulta difficile ipotizzare un qualsiasi tentativo di attraversamento dei binari con il treno in transito. Tuttavia RF1 ha già previsto modifiche tecnologiche agli impianti per impedire simili eventualità. É opportuno ricordare che, indipendentemente dal tipo di apparato presente ai passaggi a livello, in presenza degli attraversamenti strada/ferrovia occorre sempre rispettare scrupolosamente l'articolo 147 del Codice Stradale a tutela della propria e altrui incolumità."

Renato Granato Ferrovie dello Stato Italiane

Caserta passaggio a livello sbarre alzate
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.