Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Policlinico, il prefetto non basta: gli ex operai restano fuori. Ed Abbate (Pd) va su tutte le furie

06 / 06 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Nuova fumata nera nel vertice terminato nella tarda serata di ieri tra sindacati e Condotte spa per l'assunzione degli ex lavoratori del Policlinico di Caserta. La riunione, svoltasi alla presenza del prefetto Carmela Pagano, non è servita per convincere la società della «necessità sociale» di assumere gli oltre cento lavoratori che da tre anni sono in cassa integrazione e che, da luglio, non percepiranno piu' il sussidio statale. La società romana, pero', sembra non voler sentire ragioni e la soluzione è ben lontana dall'essere trovata. Sulla vicenda c'è da registrare anche la posizione del segretario provinciale del Pd Dario Abbate che ha affermato: "Siamo di fronte a una crisi che si sta trascinando da troppo tempo e che ha vissuto in questi anni il concatenarsi di vane illusioni. Ad oggi l’annunciato mancato riassorbimento dei lavoratori da parte della Condotte spa, la nuova società che ha appaltato i lavori al Policlinico, determina la prospettiva dell’ennesima grave crisi occupazionale. Occorre vigilare pertanto affinché tutte le procedure di affidamento dei lavori avvengano nel rispetto della trasparenza e della legalità e che sia rispettato l’inviolabile diritto all’occupazione di quanti hanno concorso, con la precedente impresa appaltatrice, alla realizzazione della prima parte dell’opera".
Caserta Economia Orta di Atella omicidio omicidio Sarah Scazzi
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.