Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

OMICIDIO LONGOBARDI | Individuato l'uomo che busso' al citofono prima dell'agguato

06 / 09 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Prima svolta nelle indagini sull’omicidio di Ferdinando Longobardi, il 29enne ucciso mercoledì sera, a colpi di pistola, nel rione San Nicola di Mondragone, a pochi passi dalla propria abitazione e dalla chiesa di San Michele Arcangelo (leggi qui).

I carabinieri hanno identificato l’uomo che, mercoledì sera, avrebbe citofonato a casa di Longobardi pochi istanti prima dell’agguato. Qualcuno che la vittima conosceva e di cui si fidava, tanto da accettare di scendere in strada per parlare. Si tratterebbe di un commerciante, residente nella degradata zona dei Palazzi Azzurri, con un curriculum criminale che va dal contrabbando allo stupro.

Incerto ancora il movente: un'altra pista pirta ad una lite scatenata da motivi passionali, per una donna contesa, ma gli investigatori che conducono le indagini, coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia, considerando i precedenti di Longobardi (era uscito dal carcere lo scorso dicembre dopo aver scontato una pena per reati di droga; e un suo zio, Francesco Taglialatela, è considerato vicino al clan Pagliuca, derivato dallo storico clan La Torre) e la modalità dell’omicidio, ritengono che il fatto di sangue possa essere legato alla faida tra gruppi di “cani sciolti” che si contendono le piazze di spaccio di droga a Mondragone dopo il declino del clan La Torre e i pentimenti del gruppo Pagliuca.

Ferdinando Longobardi morto mondragone
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.