Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

L`INCHIESTA Pentito tira in ballo anche Pierino Squeglia di Marcianise: `E` stato eletto coi voti della camorra`

07 / 11 / 2013

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Secondo le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Pasquale Di Giovanni, imprenditore considerato dagli investigatori vicino al clan di camorra Belforte di Marcianise, sarebbe stato eletto con i voti dello stesso clan Belforte l'ex deputato casertano della Margherita (attualmente responsabile regionale di Alleanza per l'Italia) Pierino Squeglia. Di Giovanni lo ha detto in dichiarazioni allegate all'ordinanza firmata dal gip di Napoli Isabella Iaselli nell'ambito dell'inchiesta sugli appalti della Asl di Caserta. Di Giovanni riferisce di un incontro avvenuto nella seconda meta' del 2001 a Roma con Squeglia, eletto nel maggio dello stesso anno, cui avrebbe partecipato con l'imprenditore Angelo Grillo, arrestato questa mattina, e con l'ex esponente di spicco del clan Giuseppe Buttone, cognato del boss Domenico Belforte. "Giunti in Roma - racconta Di Giovanni - il Grillo contatto' telefonicamente la persona da incontrare, e scese il Pierino Squeglia, che sali' in macchina e ci recammo in un piccolo ristorante. A tavola ricordo che Squeglia chiaramente disse che era stato eletto al parlamento con i voti dei Belforte attraverso le famiglie degli affiliati al clan e Buttone confermo' la circostanza".
marcianise pierino squeglia camorra angelo grillo angelo grillo bruno buttone
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.