Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

ADDIO PEPPE Gli amici sotto shock per la morte del 19enne. Ecco gli ultimi messaggi

10 / 08 / 2015

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Non trovano pace e, soprattutto, una spiegazione per quello che e' accaduto. Non trovano un motivo per giustificare quel destino che ha voluto portare via con se' il loro amico, Giuseppe Verde, per tutti Peppe, all'eta' di appena 19 anni. E cosi' gli amici del giovane studente di Aversa appena diplomato hanno invaso la bacheca Facebook del ragazzo, rimasto ucciso nel drammatico incidente di Sessa Aurunca, per sfogare la propria rabbia ed il proprio dolore.  "Per pochi minuti - scrive Valeria - ho avuto la sensazione che fosse un incubo. Ma purtroppo non e' cosi'. Il mio migliore amico, il mio fratellone, il mio punto di riferimento, la persona che cercavo sempre quando avevo bisogno di ridere e divertirmi, la persona che mi aiutava e non mi faceva mancare niente. Il rapporto che avevamo era unico e credimi non sara' sostituito con nessun'altra persona, nessuno sara' capace con uno sguardo di farsi capire come ti facevi capire tu, nessuno sara' in grado di volermi cosi' tanto bene. E' una mancanza che supera ogni limite, una mancanza incolmabile, una mancanza che io avverto fin dentro le vene, una mancanza priva di rassegnazione, una mancanza che portero' con me per tutta la vita". "Ne abbiamo passate tante insieme - scrive Francesco -. Eravamo inseparabili 2 anni fa. Ci dividevamo tutto, ci aiutavamo a vicenda. Eravamo sempre pronti a difenderci. Quante ne abbiamo passate insieme Peppi. Ed ora sembra di ripassare i giorni più brutti della mia vita. Starai sempre nel mio cuore fratellino. Non ti dimentichero' mai".

aversa giuseppe verde morto incidente sessa aurunca amici
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.