Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

I NOMI | Lite a bastonate per l'eredità: arrestati ex consigliere e fratello

06 / 08 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Arrestato ex consigliere comunale

Giuseppe Gravante, ex consigliere di Castel Volturno colpito da ordinanza di custodio cautelare agli arresti domicilari. A firmare il provvedimento il Giudice per le Indagini Preliminare presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere la dott. ssa Ivana Salvatore che ha accolto la richiesta del Pubblico Ministero della Procura della Repubblica Sergio Occhionero. Il provvedimento e’ stato eseguito nel pomeriggio dal Comando Stazione Carabimieri di Pinetamare di Castel Volturno agli ordini del maresciallo capo Salvatore Nardella.

All’origine della vicenda, a quanto pare, vecchi dissapori familiari sconfinati in una contesa di beni e di proprieta’ a seguito della morte dell’anziano genitori. Pare che il capo d’imputazione contestato dal Pubblico Ministero Sammaritano contempli doversi ipotesi di reati contro la persona, dalla lite all’aggressione, alle lesioni e per finire anche delle condotte persecutorie che l’ex politico castellano avrebbe posto in essere per far desistere i propri familiari dall’accampare diritti sui beni ereditari che voleva solo per sé.

Agli arresti domiciliari anche il fratello Giovanni Gravante.

Pugno in faccia dopo una lite su Facebool, assolto imprenditore

Gravante, già in passato fu coinvolto, invece, in un'altra vicenda, che lo vide poi assolto, quando colpìo con un pugno al volto un suoi concittadino Antonio Carangio, procurandogli delle lesioni al volto. Il processo nacque a seguito della querela della persona offesa che aveva denunziato ai Carabinieri del posto l’avvenuta aggressione, allegando anche una certificazione medica ospedaliera.

Nel corso dell’attività di indagine i Carabinieri della Stazione di Castel Volturno , sentirono anche vari testimoni per ricostruire quanto accaduto tra l’ex consigliere comunale castellano e Carangio nel dicembre del 2013. Secondo la querela sporta dal Carangio, le motivazioni alla base dell’ipotetica aggressione sarebbero riconducibili a dei commenti lasciati sulla pagina del sito web dallo stesso creato su facebook e denominato “Movimento per un centro destra civico a Castel Volturno.”.



Nei prossimi giorni è previsto interrogatorio di garanzia e poi le procedure a seguire che verranno azionate dai difensori.



 

giuseppe gravante arrestato consigliere comunale castel volturno
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.