Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

CAMORRA & AFFARI | 10 ARRESTI: soldi del clan investiti in Romagna. I NOMI

11 / 10 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


10 ARRESTI I "rinnegati" del clan conquistano la Romagna | I NOMI

Dall'Alleanza di Secondigliano alla formazione di un "gruppo autonomo" nel riminese. Ciro Contini, napoletano di 31 anni - nipote del boss Eduardo Contini, detto 'o Romano, considerato il vertice del clan di Secondigliano - a Napoli era "indesiderato" e considerato un cane sciolto e per questo aveva spostato la sua influenza nell'area romagnola dove aveva fondato un clan autonomo ed indipendente dal gruppo napoletano di riferimento.

Stamattina all'alba per Contini, già detenuto al carcere di Prato, ed altre nove persone sono scattate le manette, all'esito di un'indagine coordinata dalla Dda di Bologna. Oltre 150 militari hanno partecipato al blitz che ha portato all'arresto di Antonio Acampa, 40 anni napoletano e residente a Novafeltria (Rimini) detto 'o chiattone, cognato di Ciro Contini; Armando Savorra, 62 anni di Napoli e residente a Rimini; Cosimo Nicolì, 42 anni di Napoli residente a Rimini; Fabio Riveccio, 28 anni di Napoli; Pasquale Palumbo, 42 anni di Napoli; Francesco Capasso, 26 anni di Aversa; Massimiliano Romaniello, 45 anni di Napoli residente a Rimini; Antonino Di Dato, 43 anni di Cercola residente a Rimini; Giuseppe Ripoli, 41 anni di Policoro residente a Rimini.

Le accuse sono a vario titolo di associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione, rapine, lesioni personali, intestazione fittizia di beni oltre a reati in materia di armi. Dalle indagini è emerso come il "gruppo Contini" si sarebbe sostituito, anche con azioni particolarmente violente con minacce armate e sequestri di persona, al gruppo criminale già presente sul territorio (composto da Romaniello, Di Dato e Rispoli) imponendo alle vittime di pregresse attività estorsive la propria protezione.

Contini, secondo gli inquirenti, ha agito "in assoluta autonomia rispetto al clan di origine di Secondigliano, ove peraltro è definiti, unitamente al suo manipolo di sodali, soggetto indesiderato in quanto ritenuto un cane sciolto". Per questo le sue decisioni avvenivano "in maniera scollegata con la famiglia madre" a cui non forniva aggiornamenti sulle attività illecite nè condivideva i proventi. 

Dopo l'arresto di Contini, nel novembre del 2018, il gruppo aveva una continuità con la reggenza che sarebbe passata nelle mani del cognato Acampa (compagno della sorella) sia proseguendo le attività illecite e le condotte intimidatorie nei confronti dei criminali "antagonisti" sia occupandosi di una società di noleggio, formalmente intestata ad Armando Savorra ma di fatto gestita da Contini-Acampa, i cui proventi servivano sia al sostentamento del "capo" e della sua famiglia, durante il periodo di detenzione di Contini, sia per essere destinati ai sodali, 200 euro a settimana



 

camorra e affari clan dei casalesi arrestati
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.