Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Belforte-Zagaria, patto per controllare tutti gli appalti nel summit segreto coi latitanti

08 / 04 / 2016

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Un accordo a 360 gradi tra Belforte e Casalesi per dividersi gli appalti della provincia di Caserta e tenere sotto controllo tutti gli affari milionari su cui poter mettere le mani. E' questa la ricostruzione che il pubblico ministero della Dda Giordano ha provato a fare durante il processo Medea (nell'udienza del giudizio immediato per 10 imputati) interrogando, sul banco dei testimoni, i pentiti del clan Belforte, Bruno Buttone e Giacomo Nocera. In particolare Buttone ha sostenuto di aver incontrato in prima persona, a San Cipriano, Antonio Iovine e Michele Zagaria, durante il periodo della loro latitanza, coi quali aveva stipulato un accordo di massima: i Casalesi avrebbero ottenuto gli appalti tramite propri imprenditori e poi avrebbero fatto lavorare in sub appalto le ditte del clan Belforte. Un'intesa che, secondo il quadro accusatorio, sarebbe stata stabilita tramite gli imprenditori Fontana di Caserta (ma originario di Casapesenna) e Pasquale Lombardi di Marcianise (non imputato in questo processo, ma coinvolto in un altro filone d'inchiesta). Nel corso del 'contro interrogatorio' dall'avvocato Mariano Omarto, però, Buttone ha sottolineato come Lombardi sia stato solo il tramite per avvicinare Fontana e che l'incontro è avvenuto senza la presenza dell'imprenditore di Marcianise.

caserta belforte zagaria iovine clan camorra
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.