Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Addio a Gigi Falco, l`ultimo vero sindaco di Caserta

04 / 02 / 2013

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


E’ stata una domenica triste, una di quelle giornate che restano indelebili nella memoria. La notizia che ha raggiunto tutti, nel volger di pochi minuti, della scomparsa di Luigi Falco, da tutti conosciuto come Gigi, ha lasciato un vuoto. Perché, nel bene e nel male, Gigi Falco è stato l’ultimo vero sindaco di Caserta. Non si puo’ considerare un caso che l’attuale sindaco Pio Del Gaudio, così come il suo sfidante alle elezioni del 2011 Carlo Marino siano stati assessori proprio durante la sua amministrazione. O come Angelo Polverino, oggi consigliere regionale, ieri assessore della giunta Falco. E poi basta girare per il Capoluogo e chiedere in giro. Tutti si ricordano di Falco, il sindaco del fare, colui che è riuscito a rimettere in moto un’intera città. Ai tempi della sua amministrazione (dal 1997 al 2005) Caserta è stata un eterno cantiere. Case, strade e, soprattutto, le piazze e le fontane. “Per dare un senso di bellezza” amava ripetere. Ha cambiato Caserta e, forse, Caserta ha anche cambiato quel simpatico medico di Dragoni che nel Capoluogo ci lavorava prima di diventarne il primo cittadino fino alla notte del ribaltone. Nel 2005, mentre lui era in Argentina, alcuni consiglieri di maggioranza lo lasciarono ed andarono a dimettersi con l’opposizione. Un gesto politico, niente di piu’ visto che la sua esperienza amministrativa sarebbe finita dopo pochi mesi. Ma quando si parla di Gigi Falco si parla sempre del Sindaco Falco. Colui che per primo, e forse unico (visto quanto accaduto successivamente) aveva capito cosa significava fare il sindaco. Falco ha lottato per Caserta, lo ha fatto affinchè finalmente non fosse considerata come un prolungamento della provincia di Napoli. E lo ha fatto sbattendo i pugni sul tavolo, litigando, spesso e volentieri, anche contro i suoi leader politici dell’allora Forza Italia (in primis Nicola Cosentino) che non tutelavano Caserta come Falco avrebbe voluto. E proprio dalla politica, forse, Falco avrebbe meritato qualcosa in piu’. Lui, capace di rilanciare il Comune di Caserta dopo l’immobilismo dell’era Bulzoni, avrebbe meritato, nel 2006, la candidatura al Parlamento. E forse Caserta sarebbe cresciuta ancora, sarebbe riuscire a conquistare quell’indipendenza che Falco le voleva regalare. Ma così non è stato. Ed oggi Caserta perché l’unico che ha dimostrato, coi fatti, di saperla rappresentare fino in fondo. L’ultimo Sindaco vero.
luigi falco sindaco caserta morto morto funerali
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.